Lettera sul bando per la «sistemazione del patrimonio documentale» della Direzione Generale per l’Archeologia

Al Segretario generale del Mibact Arch. Antonia Pasqua Recchia

Al Direttore generale per gli archivDott. Mario Guarany

e p. c. Al Capo di Gabinetto del MinistrProf. Giampaolo D’Andrea

e p. c. Al Direttore generale per lArcheologiDott. Gino Famiglietti

Roma, lunedì 18 maggio 2015

Prot. 10/2015

Oggetto: Bando per la «sistemazione del patrimonio documentale» recentementemanato della Direzione Generale per lArcheologia

Gentile Segretario generale, egregio Direttore generale per gli archivi,

la scrivente Associazione Archivisti in Movimento (Arch.I.M) inoltra la presente in merito al Bando per la «sistemazione del patrimonio documentale» recentemente emanato della Direzione Generale per lArcheologia di codesto Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Arch.I.M. ha riscontrato con stupore quanto sostenuto dalla Direzione generale pelArcheologia nella lettera prot. n. 3770 del 13 maggio u. s.

Premesso che appare pleonastico ribadire il fatto che la Direzione generale abbia reso noto sul sito istituzionale del MiBACT, per un periodo di 30 giorni, lavviso pubblico in questione, in quanto atto necessitato dalle normative vigenti in materia di trasparenza previsti dalla normativa vigente in materia di affidamenti di contratti pubblici, il Bando in oggetto risultava riferito con sconcertante genericità ad attività di «sistemazione del patrimonio documentale»: solo in seguito nella sopra menzionata lettera – tali attività sono state specificate quali «movimentazione, della documentazione di supporto allo svolgimento delle attività istituzionali della Direzione».

Alla luce di tale specificazione, trattandosi di attività che come indicato dalla stessa Direzione generale nella lettera di cui sopra «non richiedono approfondite e specialistiche competenze», essendo limitate alla mera movimentazione (presumibilmente di unità di conservazione) non si comprendono bene le ragioni della previsione di «esperienza almeno triennale nel settore del patrimonio culturale» richiesta per la partecipazione al bando, nonché il riferimento alla «formazione dei volontari sulle tematiche oggetto della selezione».

Ma se permane inoltre lindeterminatezza circa quale sia il soggetto in possesso degli adeguati requisiti scientificoprofessionali archivistici incaricato di sovrintenderne e coordinare tali operazioni di «sistemazione», ancor più grave appare lesplicita conferma delle dichiarazioni dal Direttore Generale per lArcheologia di ingaggiare in futuro una squadra di operatori specializzati, anche per la documentazione e larchivistica(http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/05/11/news/beniculturalivolontariallarchivio-frarimborsieconvenzioniadhoc1.211880?ref=fbpe): «con riferimento, poi, alla istituzionale attività di ordinamento, di inventariazione e di selezione dellarchivio corrente e di deposito () si fa presente che è intendimento di questa Direzione generale procedere, in tal senso, a decorrere dal 2016 secondo le modalità e le forme previste dalla normativa vigente».

Tale conferma, contenuta nella lettera sopra richiamata, legittima linterrogativo circa lattuale e pregressa gestione dellarchivio corrente e di deposito, il cui soggetto produttorcomè noto è responsabile sia per la tenuta che per lorganizzazione, la conservazionnonché, per quanto previsto dalla legge, la consultabilità.

Arch.I.M ritiene pertanto doveroso richiamare ancora una volta tanto più nel caso in specie, relativo ad una Direzione Generale dello stesso MiBACT – che la documentazione prodotta dalla Pubblica Amministrazione costituisce patrimonio pubblico, e che la sua gestione necessariamente secondo corretta metodologia archivistica è un diritto del cittadino e un dovere dellAmministrazione; e che tale documentazione è un Bene Culturale (Codice dei Beni Culturali Parte II, Tit. 1, Capo 1, Art. 10, Comma 2b), affidato per legge in conservazione, tutela, valorizzazione e fruizione alla professionalità specialistica degli archivisti (Legge n. 110 del 22/07/2014 di modifica al Codice dei Beni Culturali, G. U. Serie Generale n. 183 del 08/08/2014, in vigore dal 23/08/2014.

Per tali motivi lAssociazione Arch.I.M. chiede che si pongano in essere tutte le attività di verifica e di vigilanza in merito da parte delle Autorità specificamente competenti al fine di riscontrare la correttezza dellattuale e pregressa gestione dellarchivio corrente e di deposito della Direzione Generale per lArcheologia.

In attesa di cortese riscontro a quanto sopra esposto, loccasione è gradita per porgere i più distinti saluti.

Angelo Restaino, Presidente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...